Covid: Pd Lombardia, 'ora confidiamo in aiuto Governo su vaccini'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 31 mar. (Adnkronos) – Per il Pd della Lombardia quella del capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, e del commissario straordinario all’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo, non è stata una visita di cortesia. "Confidiamo nella ripartenza grazie all’aiuto del Governo. Perché in Lombardia, come ha detto Figliuolo, ci sono cose che non vanno. E’ del tutto evidente che non è stata una visita di cortesia quella di stamattina", sottolinea Vinicio Peluffo, segretario Pd Lombardo.

"A dispetto delle autonarrazioni ottimistiche di Fontana, è del tutto evidente – aggiunge – che i vertici che hanno il compito di gestire la campagna massima di vaccinazioni Anticovid hanno fatto tappa in Lombardia, subito dopo la Calabria, perché qui bisogna risolvere problemi veri, strutturali. Per la conferma bastava ascoltare Figliuolo quando ha detto, col tempo verbale presente che ci sono cose che non vanno”. E' duro con Attilio Fontana anche Fabio Pizzul, capogruppo Pd in consiglio regionale.

"Presidente Fontana, davvero dare voce alle segnalazioni dei cittadini di disfunzioni del sistema di prenotazione può essere stigmatizzato come sterili attacchi? Il piano messo in campo dalla Regione – dice – non ha funzionato a dovere, ne sanno qualcosa anziani e insegnanti, e lo ha sottolineato anche il generale Figliuolo. Bene, ora si chieda scusa e si proceda con meno boria alla opportuna collaborazione tra istituzioni, con i sindaci, il Governo, la Protezione Civile e anche l’esercito, perché è la strada migliore per uscire tutti insieme da questa situazione".