Covid Pechino, 40enne evade da isolamento: 5mila vicini in quarantena

(Adnkronos) - Oltre 5mila persone sono state messe in quarantena a Pechino, dopo che un loro vicino è evaso dall'isolamento ed è poi risultato positivo al covid. L'uomo, un quarantenne, è ora sottoposto ad indagine penale, riferisce il Guardian. La vicenda avviene mentre è iniziato l'allentamento delle misure anticontagio a Pechino e Shanghai, nell'ambito della politica di zero Covid imposta dal presidente Xi Jinping.

A quanto hanno reso noto le autorità, il quarantenne aveva ricevuto l'ordine di isolarsi a casa dopo che il 23 maggio era entrato in un centro commerciale poi definito area a rischio. Ma l'uomo è invece "uscito varie volte, muovendosi nella comunità e rischiando di diffondere l'epidemia". Cinque giorni dopo, lui e la moglie sono risultati positivi. A questo punto le autorità hanno inviato in un centro di quarantena tutte le 258 persone che vivono nel loro palazzo e imposto l'isolamento a casa per altre 5mila residenti del vicinato.

In Cina le rigide misure anticovid hanno provocato tensioni verso le autorità e frustrazioni nella popolazione, oltre a problemi economici. Questa volta i social non hanno però perdonato il quarantenne. E c'è anche chi se l'è presa con la mancata sorveglianza delle autorità. "La responsabilità è divisa al 50% fra l'uomo e la comunità, che non ha installato un allarme alla sua porta", s'indigna un internauta.

A Shanghai, una megalopoli di oltre 26 milioni di abitanti, il lockdown durato quasi due mesi dovrebbe cessare mercoledì. A Pechino, dove i residenti sono oltre 21 milioni, sono stati imposti lockdown limitati ad alcune aree, con limitazioni agli spostamenti, chiusura di luoghi pubblici e lavoro da casa obbligatorio in determinati distretti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli