Covid, per Pregliasco "i No vax sfogano le loro paure contro i virologi"

·1 minuto per la lettura
(Photo by Alessandro Bremec/NurPhoto via Getty Images)
(Photo by Alessandro Bremec/NurPhoto via Getty Images)

I no vax sono "persone incattivite dall’insicurezza economica, di cui soffrono. Noi diventiamo capri espiatori delle paure, messi all’indice come terminale di chissà quali interessi privati, visti come gente che si infila un sacco di soldi in tasca". È quanto ha dichiarato Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università di Milano, in un'intervista al Corriere della Sera, a cui ha riferito di essere fra le vittime oggetto di insulti e minacce da parte di anonimi contrari ai vaccini.

VIDEO - Covid, la tesi di Pregliasco sulle mascherine per i vaccinati

"Mi telefonano per dirmi di tutto. Nella migliore delle ipotesi al mio "pronto" segue il silenzio, altrimenti insulti a go go. O frasi del tipo "con quale coraggio baci i tuoi figli quando torni a casa?", oppure "verrai giudicato da un tribunale terreno". Ricevo centinaia di sms da sconosciuti e materiale astruso sugli effetti collaterali dei vaccini", ha detto.

LEGGI ANCHE: Polizia apre indagine su No Vax e No Green Pass: cosa rischiano

E ha sottolineato: "Mentirei negando di essere preoccupato. Nelle ultime due, tre settimane, da quando si discute sul green pass, la furia dei no vax ha avuto un’impennata". "Non vorrei che qualche psicopatico incontrandomi per strada mi riempia di sganassoni o qualche altra cosa - ha aggiunto -. Negli ultimi giorni per proteggermi da eventuali aggressioni fisiche ho deciso di ridurre al minimo i miei spostamenti a piedi, di muovermi lo stretto necessario anche se finora sono stato avvicinato solo da persone che mi hanno manifestato solidarietà".

VIDEO - Covid, primi test per il farmaco antivirale di Pfizer

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli