Covid, perché il virus è più pericoloso per gli uomini

·2 minuto per la lettura

Il Covid-19 infetta più spesso e in maniera più grave gli uomini rispetto alle donne, indipendentemente dalle condizioni di salute precedenti l'infezione. Non è un caso, insomma, che in Italia il 57% dei decessi collegati al virus Sars-Cov-2 riguardi i maschi. A spiegare il motivo di questa discrepanza è l'Istituto superiore di sanità (Iss), che ha notato che esistono delle differenze importanti tra uomini e donne non solo nella mortalità, ma anche nell’insorgenza dei sintomi, nelle manifestazioni cliniche e nelle risposte ai trattamenti. 

Il fenomeno, ha spiegato l'Iss, potrebbe dipendere dal fatto che le donne hanno una risposta immunitaria più pronta degli uomini grazie a una questione ormonale, così come un più efficace maccanismo di “fagocitosi”, che consiste nell’inglobare e digerire un agente esterno. 

Ecco cosa succede: il Covid-19 penetra nelle cellule legandosi a un recettore chiamato Ace2, un enzima che regola la vasocostrizione delle arterie e che si trova sulle cellule dell’epitelio polmonare per proteggere il polmone da infezioni, infiammazioni e stress. 

VIDEO - I non vaccinati rischiano il contagio 6 volte in più dei vaccinati. I dati dell’ISS

Nelle donne in età fertile – spiega l’Istituto – gli estrogeni (gli ormoni femminili) alzano il livello di Ace2 facendo sì che “questo enzima, anche dopo l'infezione, riesca a svolgere la sua funzione di protezione, in particolare nei confronti dei polmoni”. Al contrario, gli ormoni androgeni sembra che svolgano “un ruolo opposto nell’influenzare l’espressione di enzimi cellulari coinvolti nelle fasi che seguono l’attacco del virus al recettore”, finendo per “favorirel’infezione delle cellule polmonari.

Per questo motivo, secondo l'Iss è ora fondamentale approfondire gli studi in merito, così da “valutare il ruolo degli ormoni sessuali nelle differenze di genere riscontrate durante questa pandemia”.

VIDEO - Covid-19 e terza dose di vaccino: tutte le risposte alle domande più frequenti: a chi è raccomandata? Quando farla? Che vaccino si usa?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli