Covid, Pregliasco: "I casi aumenteranno, ecco perché"

Fabrizio Pregliasco attends Il Tempo Della Salute at Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci on November 05, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Alessandro Bremec/NurPhoto via Getty Images)
Covid, Pregliasco: "I casi aumenteranno, ecco perché" (Photo by Alessandro Bremec/NurPhoto via Getty Images)

Con l'arrivo dell'autunno si teme una nuova ondata. Dopo due inverni trascorsi in casa, sono tanti gli italiani che hanno paura di dover fare di nuovo i conti con una brusca risalita dei contagi. Il rischio di un'impennata di casi Covid è reale e lo spiega Fabrizio Pregliasco.

VIDEO - Hai i sintomi del covid, ma il tampone è negativo? Ecco 3 ipotesi riguardo al perché

Intervistato da Fanpage.it, il virologo e direttore sanitario dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi ha messo in guardia sui rischi a cui andiamo incontro nelle prossime settimane, complici gli sbalzi termici e la riapertura delle scuole. Infatti, ha dichiarato: "Vedendo anche l'esperienza dell'emisfero australe, del loro inverno appena finito, c'è stata intanto una bella circolazione vivace anche dei virus influenzali in seguito alla riduzione di tutte le prescrizioni che avevano in qualche modo ridotto il Covid e azzerato l'influenza. Io credo che a livello previsionale dovremmo aspettarci una ondata di rialzo, perché si inseriscono diverse variabili facilitanti la diffusione del contagio, come gli sbalzi termici, il fatto che con la stagione più fredda si sta di più al chiuso e la riapertura delle attività e soprattutto delle scuole, perché 10 milioni di persone che girano nel sistema scolastico sono un bel numero".

LEGGI ANCHE: Scuola, Bassetti: "Mi auguro inizi e finisca senza mascherine e Dad"

Il docente dell'Università degli Studi di Milano ha anche ribadito l'importanza del vaccino, ricordando che: "Purtroppo non c'è stato finora un grande entusiasmo intorno ai booster, perché l'attesa del nuovo vaccino aggiornato ha avuto lo stesso effetto dell'uscita del nuovo iPhone. Molti medici, anche sbagliando, hanno consigliato agli anziani di aspettare quello nuovo. Tra l'altro l'Ema in questo momento ha registrato il vaccino per Ba1 e Ba2 ma in ballo ci sono già Ba4 e Ba5. Questo per dire che saremo sempre alla rincorsa del vaccino nuovo".

GUARDA ANCHE - Covid, mascherine sui mezzi pubblici e quarantena: cosa cambia?

Poi ha precisato: "Questo virus si è un po' rabbonito e poi trova davanti a sé una popolazione parzialmente coperta con minori rischi di malattia grave che però permangono statisticamente. Quindi, ripeto, tutto dipenderà dalla quota di rivaccinazioni e dall'utilizzo di farmaci antivirali per i più fragili per poter ridurre l'impatto di questa patologia nel futuro".

LEGGI ANCHE: Sanità: sindacati medici, ospedali al collasso e liste attesa non priorità politica

A chi assumerà le redini del Governo dopo le elezioni del 25 settembre, Pregliasco dice: "Quello che ci vuole è una gestione fatta imparando dalle cose che abbiamo subito e le scelte non ottimali che sono state prese per poter convivere col virus immaginando scenari possibili e realistici".