Covid, Pregliasco: "Siamo arrivati al culmine"

Fabrizio Pregliasco attends Il Tempo Della Salute at Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci on November 05, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Alessandro Bremec/NurPhoto via Getty Images)
Covid, Pregliasco: "Siamo arrivati al culmine" (Photo by Alessandro Bremec/NurPhoto via Getty Images)

Continua a preoccupare il brusco rialzo di casi Covid nel nostro Paese. Il picco sembra ormai vicino e a dirlo è Fabrizio Pregliasco, che ribadisce l'importanza della quarta dose.

VIDEO - Covid, l’OMS chiede ai governi di valutare il ritorno alle restrizioni

"Stiamo vedendo una riduzione della velocità di crescita della curva che possiamo interpretare come un avvicinamento al picco". A dirlo in un'intervista a Fanpage.it è il docente dell'Università degli Studi di Milano, che precisa: "È chiaro che se il picco è stato superato lo si capisce quando è passato nella pratica, ma credo che ormai siamo nella fase espansiva di questa ondata di Omicron 5 e siamo arrivati al culmine". Per Pregliasco, la nuova sottovariante Omicron identificata in India, la BA 2.75 meglio nota come Centaurus, "potrebbe essere la protagonista della prossima ondata, dal momento che io immagino questa fase della pandemia come una serie di onde successive come quelle prodotte da un sasso in uno stagno".

LEGGI ANCHE: Covid, Ema avvia esame richiesta via libera vaccino Pfizer in under 5

Quindi ha ricordato: "Questo virus cercherà sempre di variare perché la sua peculiarità è l'essere assolutamente non stabile e questo gli gioca a sua favore perché si trasforma sempre in varianti che schivano le precedenti infezioni".

GUARDA ANCHE - BA 5, la nuova variante Covid contagiosa ma non pericolosa

Importante ricorrere al vaccino anti-Covid: in Italia si registra una media di 56mila somministrazioni di quarte dosi al giorno per gli over 60. "È una notizia importante perché c'è stata una narrazione negativa sul valore della vaccinazione anti Covid e sul fatto che questo vaccino sia vecchio. Invece ha una cross-reattività e mantiene la sua funzione di alzare la risposta anticorpale e fare in modo che ci sia una certa capacità di evitare forme gravi della malattia", commenta l'esperto. Tuttavia, c'è chi aspetta il prossimo autunno nella speranza di avere a disposizione vaccini universali. A tal proposito, Pregliaso ha precisato: "Non saranno vaccini universali ma aggiornati a Omicron. Tuttavia saremo sempre in svantaggio col virus che continua a modificarsi. Forse servirà fare una ulteriore dose a tempo debito, ma in questo periodo di forte circolazione l'importante è proteggersi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli