Covid, preoccupa la situazione tra i bambini: parla Brusaferro

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Covid, preoccupa la situazione tra i bambini: parla Brusaferro (Photo by Stefano Carofei/Pool/Insidefoto/Mondadori Portfolio via Getty Images)
Covid, preoccupa la situazione tra i bambini: parla Brusaferro (Photo by Stefano Carofei/Pool/Insidefoto/Mondadori Portfolio via Getty Images)

In Italia l'epidemia da coronavirus è ormai da giorni in netta crescita ma un dato che preoccupa, in particolare, è la situazione dei contagi tra i bambini. A dirlo è il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa sull'analisi dei dati del monitoraggio regionale della Cabina di Regia.

GUARDA ANCHE - Covid, l'umidità del respiro rende le mascherine più efficaci?

"I ragazzini da 10 anni in su hanno un'incidenza di casi che cresce, ma la crescita è in generale tra tutte le fasce di età , ma ci sono sempre più persone più giovani che contraggono l'infezione".

"L'epidemia in Italia è in netta ricrescita mentre in altri Paesi europei è in decrescita - ha ricordato Brusaferro -. Da noi è la sesta settimana consecutiva in cui la curva sta crescendo. Solo in Umbria e Bolzano si vede una decrescita, ma qui sono in atto misure da settimane".

"ll dato importante - ha aggiunto - è che si riporta un peggioramento nel livello di rischio e l'Rt è in aumento e questo porterà un aumento del numero dei casi nei prossimi giorni e a livello nazionale si potrebbe superare la soglia critica di 250 casi per 100mila abitanti. È quindi importante intervenire in maniera decisa per contrastare la circolazione del virus, anticipando gli interventi dove necessario".

In conclusione, Brusaferro ha fatto notare come "diminuiscano i casi nelle rsa e tra gli anziani": si tratta di "un primo successo della strategia vaccinale, si vedono i primi risultati. In questo momento non possiamo che agire con interventi di mitigazione e contenimento".

GUARDA ANCHE - Draghi: "Coi vaccini la via d'uscita non è lontana"