Covid: procuratore Trapani, 'dagli indagati atteggiamento criminale, e ancora non è finita' (3)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Poi il magistrato sottolinea con forza: "Abbiamo accertato da tempo che la politica allungasse le mani sul settore della sanità, perché dà soldi e potere". "Una cosa giusta l'ha detta Razza, in una intercettazione, cioè che quanto stava accadendo era il 'fallimento della politica'. Ed è vero. I siciliani si sono assuefatti a una politica che decide tutto nella sanità". Poi avverte: "La politica deve imparare a fare invece un passo indietro".

Ieri ha sollevato scalpore la frase detta dall'assessore Ruggero Razza durante una intercettazione alla dirigente Di Liberto: "Spalmiamo i morti su più giorni". "Quello che c'è sotto fa davvero riflettere – dice ancora il Procuratore Agnello – Parlavano di morti, di 24 persone decedute. Il cinismo alla fine sottostante ci ha lasciato veramente con l'amaro in bocca. E' stata l'unica indagine veramente difficile, con le mie colleghe abbiamo pensato ai nostri cari".