Covid: Procuratrice Siracusa, 'militare morto? Indaghiamo su intera filiera vaccino, no psicosi'

·1 minuto per la lettura
Covid: Procuratrice Siracusa, 'militare morto? Indaghiamo su intera filiera vaccino, no psicosi'
Covid: Procuratrice Siracusa, 'militare morto? Indaghiamo su intera filiera vaccino, no psicosi'

Palermo, 11 mar. (Adnkronos) – "Spero che non si crei una psicosi collettiva sulla morte del militare. Noi, allo stato attuale, abbiamo solo il dato cronologico di coincidenza: cioè il vaccino inoculato quel giorno al militare e il decesso avvenuto nella notte. Ma non abbiamo altri elementi. Li potrà fornire solo l'autopsia. Il nostro è un accertamento dovuto". Lo ha detto all'Adnkronos Sabrina Gambino, la Procuratrice di Siracusa che coordina l'inchiesta sulla morte di Stefano Paternò, il sottufficiale della Marina militare avvenuta per un arresto cardiaco il giorno dopo essersi sottoposto alla prima dose di vaccino AstraZeneca. Sono dieci gli indagati. "Abbiamo solo l'individuazione di carattere assolutamente preliminare e precauzionale", dice ancora il magistrato. Il lotto di AstraZeneca fa parte di un lotto di migliaia di fiale distribuito in tutta Europa.

"La famiglia ha fatto un esposto e ha chiesto accertamenti, da qui l'apertura dell'inchiesta", dice ancora Sabrina Gambino. "Si faranno anche accertamenti sul lotto del vaccino. La Procura sta indagando sull'intera filiera. Non sappiamo cosa è accaduto". E avverte: "Potrebbe rivelarsi inesistente un nesso di causalita tra il vaccino e il decesso, ma potrebbe essere stata solo una coincidenza".

"Vorrei che sia chiaro che noi procediamo in via precauzionale – spiega ancora Gambino – l'unico dato di cui disponiamo è la coincidenza cronologica". Secondo la famiglia, il militare non avrebbe sofferto di altre patologie: "Ma potrebbero emergere in sede di autopsia", aggiunge la Procuratrice. "Nulla è escluso". Che poi aggiunge: "Io mi sono vaccinata ieri con il vaccino AstraZeneca, ho avuto solo qualche linea di febbre. Ma ora sto bene e sono in ufficio al lavoro". (di Elvira Terranova)