Covid: prof. Minelli, 'per Senato ok antroposofia Steiner, chi potrà contestare negazionisti?'

·3 minuto per la lettura

"'La vacca ha le corna al fine di inviare dentro di sé le forze formative eterico-astrali […] Attraverso la radiazione che proviene da corna e zoccoli si sviluppa molto lavoro all’interno dell’organo digestivo. […] Così nelle corna […] avete qualcosa che irradia vita – anzi irradia anche astralità'. Così Rudolf Steiner, filosofo ed esoterista austriaco che, vissuto a cavallo tra la fine del 1800 e i primi anni del 1900, postulava che le forze che penetrano nell’apparato digerente della vacca attraverso il suo corno (della vacca, intendo), influenzano la composizione del letame del bovino, rinforzandolo. Sicché, una volta che la vacca si fosse liberata del fisiologico 'peso' rinforzato dall’energia veicolata dal proprio corno, il letame evacuato sul terreno avrebbe arricchito quest’ultimo di forze esoteriche capaci di rendere più fertile il terreno, così favorendo la sviluppo delle coltivazioni, dalla semina alla raccolta. Si basa su queste premesse magico-esoteriche di fine 800 la preparazione del cosiddetto 'cornoletame', elemento cardine della cosiddetta agricoltura biodinamica, pratica arcana e misteriosa nella quale i processi vitali della terra verrebbero processati dalle forze dei pianeti sottosolari (Luna, Mercurio e Venere), e tutto per il tramite magico di un corno di vacca farcito di sterco e interrato dalla festa di San Michele (29 settembre) alla settimana santa. Ecco… una cosa di questo genere (anzi proprio questa), inclusa in un disegno di legge, è stata approvata quasi all'unanimità (195 voti a favore, uno contrario e un astenuto), giovedì 20 maggio dal Senato della Repubblica… Italiana". Così in una nota l'immunologo Mauro Minelli.

"Così, nel mentre la Scienza del XXI secolo scopre nell’abbinamento tra agricoltura e medicina 'di precisione' un connubio imprescindibile a vantaggio della salute dell’uomo, della produttività sostenibile e dell’ambiente, puntando sulla ricerca, sull’innovazione, sulle nuove acquisizioni tecnologiche di cui la stessa ricerca si fa forte, l’assemblea legislativa del Senato riscopre l’antroposofia di Steiner, quella che ai fenomeni empirici sostituisce il ricorso alle 'forze eterico-astrali' di franca derivazione potteriana - dice Minelli - Sarà stata una svista, magari sostenuta dall’assonanza del prefisso, che ha inconsapevolmente favorito l’equiparazione dell’agricoltura 'bio-logica' a quella 'bio-dinamica', così assimilando un sistema di produzione agricola disciplinato da specifici regolamenti comunitari (CE n. 834/2007, CE n. 889/2008) a quello in cui energie cosmiche e letame incornato di vacca diventano propedeutici a raccolti rigogliosi e prosperi. Sta di fatto che l’evento acquisisce un suo specifico valore se collocato - e non potrebbe essere diversamente - nell’epocale cornice storica dell’immancabile richiamo 'ai tempi del Covid'. Gli alibi di chi, sommessamente, ogni giorno è costretto a difendersi da sette di agguerriti sciamani negazionisti diventano sempre più labili e, anzi, inconsistenti. Se per 195 senatori rappresentanti della quasi totalità degli italiani è plausibile che, nel 2021, per coltivare prodotti agricoli 'bio' si debba sotterrare le cacca della vacca infilata nel corno di costei, nessuno potrà e dovrà mai più avere nulla da ridire se qualcuno dovesse ancora e 'ragionevolmente' urlare 'non ce n'è Coviddi'".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli