Covid, proprietario discoteca Banacher Catania: "Nuovo stop una vergogna, fermi da due anni"

·1 minuto per la lettura

"Siamo fermi da due anni. Non siamo stati ‘ristorati’ per niente a differenza di altre categorie. Questo altro stop alle discoteche è’ una vergogna". Lo afferma all’AdnKronos Enzo Aronica, co-proprietario della storica discoteca Banacher ad Aci Castello, in provincia di Catania, in merito al nuovo stop per le discoteche.

"Siamo in attesa della riapertura, abbiamo i dipendenti a spasso- aggiunge- senza cassa integrazione. Hanno distrutto una attività. Hanno chiuso i locali autorizzati e sicuri ed invece hanno fatto ballare in tutti i lidi balneari somministrando alcol, bevande e facendoli così ‘incassare’".

"Noi dobbiamo solo subire - ammonisce Aronica- aspettando tempi migliori. Siamo nelle mani dello Stato e della Regione Siciliana che non fanno niente". "In Regione hanno ‘buttato’ soldi in iniziative per i cavalli ed ora si parla di finanziare gli uccelli. Alla categoria delle discoteche invece zero totale. A noi che da 51 anni come Banacher siamo stati da sempre un fiore all’occhiello della Sicilia, niente. Il nulla. Ci hanno distrutto".

(di Francesco Bianco)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli