Covid, protegge più vaccino o infezione? La risposta di Gallavotti

·1 minuto per la lettura

Covid, protegge più il vaccino a mRna anti coronavirus o l'infezione? A rispondere è la biologa Barbara Gallavotti, ospite ieri sera a diMartedì su La7, che cita uno studio delle autorità sanitarie americane su un campione di persone ricoverate per Covid, divise tra vaccinate e precedentemente contagiate. "E' stato un tema molto controverso ma adesso gli studi sono nettamente a favore del vaccino", spiega la biologa, che sullo studio Usa sottolinea: "Fra i due gruppi analizzati, è risultato che il vaccino protegge dal rischio di ricovero ospedaliero almeno cinque volte più della pregressa infezione. E, nel gruppo di persone che hanno più di 65 anni, il vaccino proteggerebbe 20 volte di più".

Riguardo al risultato dello studio, spiega ancora Gallavotti, se il vaccino a mRna "insegna al nostro organismo a produrre molte copie identiche di un unico anticorpo, un anticorpo altamente in grado di neutralizzare il virus", in caso di infezione invece "in genere l'organismo si confronta col virus intero, e quindi produce un 'cocktail' di anticorpi. E questo cocktail dipende un po' dalle caratteristiche dell'organismo stesso e dal modo in cui si è sviluppata l'infezione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli