Covid: psicologa Negri, 'boom giochi da tavolo continuerà, modo per ritrovarsi in famiglia'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 14 apr. (Adnkronos) – Il boom dei giochi da tavolo registrato nel 2020 e nei primi mesi del 2021 continuerà anche con il ritorno alla normalità post Covid. Ne è convinta Isabella Negri, psicologa, formatrice e game designer. "Durante il lockdown è stato un modo per ritrovarsi e riscoprire i legami famigliari – spiega Negri all'Adnkronos – nel pre Covid i giochi da tavolo erano molto spesso sacrificati perché i genitori lavoravano fino a tardi e quando tornavano a casa erano molto stanchi. Il gioco rappresenta invece un momento in cui la realtà è sì alterata ma ci si può dedicare di più ai rapporti tra famigliari e rappresenta un'opportunità per passare del tempo di qualità con propri figli in un periodo in cui molte cose sono bandite".

Il gioco, sottolinea la psicologa, "rappresenta per i bambini la modalità naturale di riscoprire l'ambiente sociale. Il bambino interiorizza le regole sociali con il gioco da tavolo e grazie ad esso può lavorare su certe competenze che in alcuni casi sono trasversali se hanno a che fare con la risoluzione di problemi o sulla comunicazione. Inoltre, ci sono elementi come l'attenzione e la memoria di lavoro che vengono veicolati attraverso il gioco e che sia per il bambino sia per l'adulto sono molti utili".

Il fatto di avere più tempo a disposizione da passare in casa "ha influenzato positivamente sul trend – spiega Negri -. I giochi da tavolo sono stati un'opportunità, per bambini e adulti, anche di staccare un po’ da Dad e smart working. Questa riscoperta del gioco da tavolo è molto sana e trovo sia molto positiva per i bambini".

Con il ritorno dell'estate e si spera della normalità, Negri resta comunque positiva sul trend: "Spero che la tendenza continui anche nel futuro – spiega -. E' stata una riscoperta per molti e penso che verrà portata avanti anche in futuro, magari non con la stessa frequenza, perché ci saranno altre attività tra cui scegliere ma alcuni non avevano mai sperimentato questo tipo di gioco e si sono appassionati quindi secondo me resteranno con noi ancora a lungo".