Covid, quali Regioni hanno spostato il rientro in classe

·1 minuto per la lettura
rientro a scuola rimandato
rientro a scuola rimandato

Le vacanze natalizie sono al loro giro di boa e con il passare dell’epifania arriverà il momento di ritornare tra i banchi di scuola. Eppure sono diverse le Regioni che hanno scelto di ritardare l’apertura degli istituti scolastici di tre giorni. Ecco quali sono.

Rientro a scuola rimandato, quali Regioni hanno posticipato l’inizio

Ad aprire i battenti il prossimo 10 gennaio saranno le scuole del Veneto, provincia autonoma di Bolzano, Valle d’Aosta, Puglia, Molise, Campania, Piemonte, Liguria, Sicilia e Calabria. Non è mancata all’appello l’Umbria, così come Lazio e Abruzzo. “Nel Lazio a scuola tutti dal 10 gennaio. Da venerdì 7 saranno potenziati i servizi di tracciamento per gli studenti”, ha dichiarato a questo proposito il Governatore del Lazio Nicola Zingaretti su Twitter.

Rientro a scuola rimandato, chi inizierà regolarmente il 7 gennaio

Al netto delle molte Regioni che riapriranno i battenti degli istituti scolastici al 10 gennaio, sono altrettante quelle che hanno scelto di iniziare regolarmente il 7 gennaio. Tra queste la provincia autonoma di Trento, la Toscana e le Marche anche se, per ciò che riguarda quest’ultima Regione sono già tre i comuni che hanno rimandato l’apertura delle scuole il giorno 10 gennaio. Sono nello specifico Urbino, Petriolo e Tolentino.

Rientro a scuola rimandato, la situazione in Sardegna e Basilicata

Nel frattempo l’assessore alla Sanità della Regione Sardegna, sentito da ANSA, ha affermato che “l’idea è di rientrare a scuola il 10 gennaio, considerato che il 7 è venerdì, ma la decisione verrà presa comunque a livello nazionale”. La Regione Basilicata ha pubblicato invece una nota nella quale si legge che “è pronta una ordinanza regionale per differire la riapertura delle scuole al 10 gennaio, ma la sua emanazione è subordinata all’approvazione del decreto-legge del Governo, prevista in serata”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli