Covid, quali regioni rischiano la zona arancione a dicembre con il ritorno del coprifuoco

·2 minuto per la lettura
Lombardia zona bianca 14 giugno
Lombardia zona bianca 14 giugno

Se dalla prossima settimana alcune regioni rischiano di passare in zona gialla, a dicembre potrebbero scattare le prime zone arancioni con il ritorno del coprifuoco. A correre maggiormente questo rischio sono il Friuli Venezia-Giulia, la provincia di Bolzano, il Veneto e la Calabria.

Quali regioni rischiano la zona arancione a dicembre

Con il monitoraggio dell’ISS di domani si capirà se l’Italia potrà rimanere tutta bianca per un’altra settimana o se qualche regione si troverà a dover introdurre alcune restrizioni. Quella più a rischio in questo senso è il Friuli Venezia Giulia, la quale presenta quasi tutti gli indicatori sopra la soglia. L’incidenza dei contagi ogni 100 mila abitanti è infatti pari a 114,3 (l’asticella per rimanere in zona bianca è 50), il tasso di occupazione delle terapie intensive è al 14% (la soglia è al 10%) e quello delle aree mediche si appresta a raggiungere il 15% (percentuale oltre la quale scatta la fascia gialla).

Essendo il trend di casi positivi e ricoveri in aumento, gli esperti sono preoccupati per il mese di dicembre quando potrebbero scattare misure più pesanti.

Quali regioni rischiano la zona arancione a dicembre con il ritorno del coprifuoco

Oltre al Friuli, ci sono altre tre regioni osservate speciali. La prima è la Provincia Autonoma di Bolzano, dove l’incidenza è pari a 139,1 casi ogni 100 mila abitanti, l’occupazione delle terapie intensive ha raggiunto l’8%, e quella dell’area medica il 14%. La seconda è il Veneto, che può contare su una bassa occupazione ospedaliera ma vede l’incidenza aumentare. Situazione contraria in Calabria dove, a fronte di un numero di contagi ancora limitato (24,7 ogni 100 mila cittadini), ha le terapie intensive piene al 6% e i reparti ordinari al 13%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli