Covid, quali tempi per un vaccino italiano?

·2 minuto per la lettura

Vaccino anti Covid italiano "già dal prossimo anno". Parola di Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria, intervenuto al Life Sciences Pharma & Biotech Summit organizzato da 'Il Sole 24 Ore'. "Ho avuto conferma da parte di alcune aziende che i colloqui con il Mise sono andati bene e si stanno preparando", ha spiegato.

"Quando è iniziato il lavoro al Mise - ha sottolineato Scaccabarozzi - è stato fatto con grande trasparenza e obiettivi seri. Ricordo che le parole del ministro Giorgetti sono state 'non è un problema politico, né finanziario, né industriale. Qui c'è un problema di salute e dobbiamo lavorare tutti insieme'. Abbiamo lavorato e abbiamo dato al Mise tutta una serie di informazioni. Ci sono già tutta una serie di imprese che sono coinvolte nella produzione dei vaccini. Avevamo però detto che i tempi non erano velocissimi perché la produzione di un vaccino da quando un impianto è pronto richiede dai 4 ai 6 mesi, a volte 1 anno, perché sono prodotti biologici".

"Sono vaccini nuovi e diversi - ha evidenziato il presidente di Farmindustria - Abbiamo eccellenze che producono vaccini batterici, questi sono per i virus. Abbiamo fatto scouting anche sui materiali, ma è difficile che il processo sia fatto tutto da una sola azienda. E' importante la collaborazione tra aziende. Credo che già dal prossimo anno si possa andare in questa direzione", ha concluso.

Sul vaccino italo-svizzero di Reithera, del quale sono stati annunciati dati positivi della sperimentazione di fase 2, il virologo dell'Università Statale di Milano Fabrizio Pregliasco ha osservato che "opzioni nuove sono certamente da portare avanti in termini di quantità e di tipologia di vaccini, quindi vedo assolutamente un'utilità nell'andare oltre". "Servono vaccini nuovi soprattutto per i Paesi poveri - ha sottolineato Pregliasco all'Adnkronos Salute - dove è più difficile arrivare con quelli che necessitano di una catena del freddo e da cui, senza copertura immunitaria, potrebbero arrivare varianti pericolose".

Produzione di vaccini in Italia? ''Ho discusso con il ministro Giorgetti di questi temi. Per quel che riguarda il vaccino italiano, ReiThera, si sta aspettando il passaggio dalla seconda alla terza e ultima fase di sperimentazione - ha detto il commissario straordinario per l'emergenza Covid generale Francesco Paolo Figliuolo, ieri sera ospite di Tg2Post su RaiDue - Aspettiamo la formalizzazione e dopo la terza fase potranno produrre nel giro di 5-6 mesi. Si sta anche negoziando con il Ministero dello Sviluppo economico per una produzione di vaccini Rna, per produrli su licenza in Italia, le interlocuzioni sono a buon punto''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli