Covid, quanto dura l'immunità dei guariti: nuovo studio italiano

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Covid, quanto dura l'immunità dei guariti: nuovo studio italiano (AP Photo/Andre Penner)
Covid, quanto dura l'immunità dei guariti: nuovo studio italiano (AP Photo/Andre Penner)

La durata dell'immunità nei pazienti guariti dal coronavirus è un argomento che tiene banco fin dall'inizio dell'epidemia. Sono in tanti, infatti, a chiedersi per quanto tempo si è protetti dalla malattia una volta che si è stati contagiati. Ora, i ricercatori italiani dell’Istituto nazionale malattie infettive 'Lazzaro Spallanzani' di Roma hanno fornito una nuova risposta.

Gli anticorpi neutralizzanti contro il coronavirus nei pazienti guariti sono ancora attivi a 11 mesi dall’infezione. È questo il risultato di una ricerca realizzata dal laboratorio diretto da Maria Rosaria Capobianchi, appena pubblicata sulla rivista 'Viruses'. Gli anticorpi "sono ancora presenti a livelli consistenti", aggiunge la ricerca.

GUARDA ANCHE - Covid, quanto dura l’immunità?

Tra febbraio 2020 e gennaio 2021, i ricercatori del Laboratorio di Virologia hanno analizzato 763 campioni di siero da 662 pazienti Covid-19.

Dalla ricerca è emerso "anzitutto che i livelli (o titoli) di anticorpi neutralizzanti sono più elevati nelle persone di età superiore ai 60 anni e tanto più elevati quanto più severi sono stati i sintomi respiratori manifestati dai pazienti - si legge nello studio -. I livelli più elevati sono stati raggiunti dai pazienti che manifestavano la cosiddetta Ards (Acute Respiratory Distress Syndrome) con una P/F ratio (il rapporto tra la pressione dell’ossigeno nel sangue arterioso e la percentuale di ossigeno inspirata dal paziente) inferiore a 200 mmHg".

L’aspetto più significativo della ricerca è stata tuttavia la conferma che la maggior parte dei pazienti seguiti per almeno sei mesi e per un massimo di undici mesi "ha mantenuto un livello consistente di anticorpi neutralizzanti - precisa la ricerca -. Nel 60% circa dei casi seguiti gli anticorpi neutralizzanti hanno raggiunto il picco tra uno e due mesi dopo l’infezione, hanno subito un lieve calo tra i due e i tre mesi e successivamente sono rimasti stabili sino a undici mesi dopo l’infezione. Nel 24% dei casi gli anticorpi hanno manifestato un trend di discesa continua, senza tuttavia arrivare mai al livello di non essere rilevabili. Nel 15% circa dei casi, infine, gli anticorpi neutralizzanti hanno evidenziato un trend opposto, di incremento nel corso del periodo osservato".

GUARDA ANCHE - Il Coronavirus diventerà stagionale, come l’influenza