Covid, record pochi nati e morti: sparita una città come Firenze

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 mar. (askanews) - Al 31 dicembre 2020 la popolazione residente in Italia è inferiore di quasi 384 mila unità rispetto all'inizio dell'anno, come se fosse sparita una città grande quanto Firenze. Nel 2020 si registra un nuovo minimo storico di nascite dall'unità d'Italia, un massimo storico di decessi dal secondo dopoguerra e una forte riduzione dei movimenti migratori. Lo dice l'Istat nel rapporto "La dinamica demografica durante la pandemia Covid-19 ", diffuso oggi.

Gli effetti negativi prodotti dall'epidemia Covid-19 hanno amplificato la tendenza al declino di popolazione in atto dal 2015: è stato dello 0,6% il calo della popolazione residente in Italia nel 2020 (al 31 dicembre 2020 risiedono in Italia 59.257.566 persone, 383.922 in meno rispetto all'inizio dell'anno).

NASCITE AL MINIMO - Il nuovo record di poche nascite (404 mila: quasi 16 mila in meno rispetto al 2019, -3,8%) e l'elevato numero di decessi (746 mila), mai sperimentati dal secondo dopoguerra, aggravano la dinamica naturale negativa che caratterizza il nostro Paese. Il deficit di "sostituzione naturale" tra nati e morti (saldo naturale) nel 2020 raggiunge -342 mila unità, valore inferiore, dall'Unità d'Italia, solo a quello record del 1918 (-648 mila), quando l'epidemia di "spagnola" contribuì a determinare quasi la metà degli 1,3 milioni dei decessi registrati in quell'annoii.

RECORD DI DECESSI- Nel 2020 i decessi in totale ammontano a 746.146, il numero più alto mai registrato dal secondo dopoguerra, con un aumento rispetto alla media 2015-2019 di oltre 100 mila unità (+15,6%) e di quasi 112 mila in più rispetto al 2019 (+17,6%). Dall'inizio della crisi sanitaria (marzo 2020) a fine anno si è osservato un eccesso di morti del 21% rispetto alla media dello stesso periodo dell'ultimo quinquennio. I decessi Covid-19 sono stati quasi 76 mila, il 10,2% dei decessi totali a livello medio nazionale (il 70% dell'eccesso complessivo). Il Nord, con il 14,5% sul totale dei morti, registra il maggior peso percentuale, il doppio rispetto al Centro (6,8%) e al Mezzogiorno (5,2%).

MOVIMENTI MIGRATORI - Nel corso del 2020 si contano in totale 1.586.292 iscrizioni in anagrafe e 1.628.172 cancellazioni. Le ripercussioni sono state molto più rilevanti sui movimenti migratori internazionali. Le iscrizioni dall'estero (220.533 nell'anno 2020), già in calo nel 2019 per la componente straniera, mostrano una diminuzione nei primi due mesi dell'anno (-8,8%) per poi crollare durante la prima ondata (-66,3%) e recuperare lievemente (ma sempre con una variazione negativa) nel corso dell'anno (-23,3% nella fase di transizione e -18,2% nella seconda ondata). Le cancellazioni verso l'estero (141.900 in totale), invece, evidenziano uno slancio di partenze nella fase pre-Covid (+20%), una consistente riduzione durante la prima ondata (-37,3%), una lievissima ripresa durante la fase di transizione (+0,8%) e un ulteriore crollo in corrispondenza della seconda ondata (-18,4%).

CROLLO DI MATRIMONI E UNIONI CIVILI - In forte calo anche il numero dei matrimoni celebrati: 96.687, -47,5% sul 2019 (-68,1% i matrimoni religiosi e -29% quelli con rito civile). Le 1.527 unioni civili tra persone dello stesso sesso registrate nel 2020 mostrano una tendenza alla diminuzione (-33,5% sul 2019), subendo l'effetto delle varie ondate in modo simile ai matrimoni.