Covid: Red Ronnie non ha diffamato Burioni, tribunale lo assolve

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 16 apr. (Adnkronos) – Il giudice monocratico del tribunale di Bologna ha assolto in primo grado Red Ronnie dall’accusa di diffamazione aggravata nei confronti di Roberto Burioni. Il noto virologo aveva querelato il giornalista, il cui vero nome è Gabriele Ansaloni, per alcune frasi che Red Ronnie aveva pubblicato, nel 2016, sul suo profilo Facebook e che accusavano il medico di "ricerca di protagonismo" e di "interessi economici". "Rispetto la sentenza che mi lascia sconcertato -dice Roberto Burioni all'Adnkronos- attendo le motivazioni per decidere come procedere".

Il giudice Stefano Levoni ha assolto Red Ronnie con formula piena, perché il fatto non costituisce reato. "Sin da ora, al di là della notorietà dei protagonisti -dice il difensore del giornalista, Guido Magnisi- è bene chiarire come il punto nodale della sentenza è facile da prevedere: sarà il diritto-dovere di una stampa libera di informare il cittadino nel modo più completo e possibile, soprattutto se si fa riferimento ad argomenti così decisivi come quelli attuali". Per il legale "questo principio, affermato di recente anche dalla Cassazione, dà finalmente un senso pieno alla professione del giornalista-pubblicista: fugare i dubbi, regalare al lettore più chiavi di interpretazione cosciente e consapevole della realtà che così da vicino lo tocca".