Covid, Regioni: criteri per riparto 700 mln a comprensori sciistici

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 apr. (askanews) - 430 milioni di euro agli esercenti funiviari, 40 milioni in favore dei maestri di sci iscritti negli appositi albi professionali e 230 milioni per le attività di vendita di beni e servizi, ripartiti sulla base delle presenze turistiche registrate nel triennio 2017-2019 nei Comuni montani appartenenti ai comprensori sciistici: queste le proposte approvate stamane dalla Conferenza delle Regioni per il riparto del fondo da 700 milioni previsto dal decreto Sostegni.

"L'obiettivo condiviso - commenta il presidente della Conferenza, Massimiliano Fedriga - è di rispondere celermente alle richieste degli operatori e alle attività colpite dagli effetti economici derivanti dall'epidemia da Covid-19." Fedriga anticipa inoltre di voler portare all'attenzione del Governo alcune criticità, quali l'esclusione dal Decreto di alcuni Comuni montani e la difficoltà ad assicurare un'omogenea ripartizione delle risorse alle Regioni e alle Province autonome. La Conferenza sottolinea poi la necessità di porre in capo alle Regioni l'assegnazione delle risorse ai soggetti beneficiari, anche in ragione del fatto che numerosi Comuni non dispongono di strutture amministrative adeguate per assegnare le risorse alle imprese in tempi rapidi.

"Al Governo - conclude Fedriga - chiediamo infine che la dotazione finanziaria del Fondo sia incrementata di ulteriori 100 milioni di euro da destinare alle imprese."