Covid, Renzi: no errori su vaccini, serve piano serio

Afe
·1 minuto per la lettura

Roma, 21 nov. (askanews) - "L'emergenza Covid continua a colpire, ma la situazione sembra gradualmente migliorare. Sono vicino e abbraccio i tantissimi amici che sono colpiti da questa brutta bestia: facciamo tutti il tifo per voi. Quello che è certo è che ne usciremo solo con il vaccino. In uno strano mondo alla rovescia, abbiamo visto tenaci NoVax convertirsi in apostoli della vaccinazione: della serie meglio tardi che mai. E qualche virologo ormai celebrità televisiva - paradossalmente - diventare l'eroe dei NoVax". La verità è semplice: ci salverà la scienza, non gli apprendisti stregoni. Fosse per me, farei il volontario per testare il vaccino. E, comunque vada, mi consola sapere che, tra qualche settimana, partirà la distribuzione delle prime dosi. Mi auguro solo che le istituzioni non commettano gli stessi errori che si sono fatti sui tamponi, sui banchi a rotelle, sulla seconda ondata. E che ci sia un piano serio, organico, ben strutturato". Lo scrive il leader di Italia viva Matteo Renzi, nella sua e-news. "Nel frattempo, auspico che, anziché discutere di quante persone invitare al cenone a Natale, la politica faccia una scelta più complicata, ma più coraggiosa: pensare a come riaprire le scuole in sicurezza. Perché Francia, Germania e Regno Unito non hanno mai smesso di mandare i ragazzi a scuola. E bisogna dire con forza che la didattica a distanza non basta!", conclude.