Covid, Renzi: se servono restrizioni, solo per i no vax

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 dic. (askanews) - Se ci sono delle restrizioni, facciamole solo per i no vax, perché non è giusto che i vaccinati paghino il conto delle scelte dei no vax. Lo dice il leader di Italia Viva, in un video messaggio di 60 secondi su Twitter.

"Sono contento che la politica italiana abbia smesso di chiacchierare del Presidente della Repubblica, non è un tema all'ordine del giorno. Quello che è all'ordine del giorno è come affrontare l'ondata dei nuovi contagi. Vado un po' controcorrente io la penso come Matteo Bassetti ( Direttore Clinica Malattie Infettive Policlinico San Martino di Genova, ndr) perché il virus è cambiato, il virus non è più aggressivo come prima, più contagioso ma meno aggressivo innanzitutto grazie ai vaccini. E allora cambiamo le regole non teniamo le regole che andavano bene fino a un anno e mezzo fa: prima regola, se sei vaccinato non va in quarantena in caso di contatto con un positivo; seconda regola, acceleriamo sui vaccini anche le terze dosi, anche senza prenotazione; terza regola, se ci sono delle restrizioni, facciamole solo per i no vax, perché non è giusto che i vaccinati paghino il conto delle scelte dei no vax", afferma Renzi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli