Covid, report Unioncamere e InfoCamere: quanti bar hanno chiuso in due anni

·1 minuto per la lettura
Covid pandemia bar chiusi
Covid pandemia bar chiusi

In questi ultimi due anni l’emergenza sanitaria ha messo in ginocchio moltissimi locali pubblici: basti pensare che a causa della pandemia sono stati circa 7000 i bar a chiudere. A mostrare il drammatico quadro è il report stilato da Unioncamere e InfoCamere sui dati del Registro delle imprese. Tra le regioni maggiormente colpite si segnala il Lazio.

Covid, quanti bar hanno chiuso durante la pandemia

Dal monitoraggio di Unioncamere e InfoCamere emerge in particolare che, alla fine del 2021, sono rimasti 162.964 locali pubblici rispetto ai 169.839 nel 2019. In totale sono dunque ben 6.875 i bar che sono stati costretti a chiudere l’attività (-4,05% in meno).

Guardando invece ai dati su base regionale, tra le regioni che hanno maggiormente sofferto in questi ultimi due anni è incluso il Lazio nel quale i locali chiusi sono stati 1.869 con un calo significativo del 10,09%. Non meno rosea la situazione in Valle D’Aosta dove la diminuzione è stata del 9,7% (-51 bar).

In due regioni c’è stata un’inversione di tendenza

Tra le regioni nelle quali è stata rilevata una significativa percentuale di chiusura dei locali pubblici sono troviamo anche Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto e Toscana (-5% locali chiusi). È invece di circa il -6% nelle Marche e in Friuli Venezia Giulia. Poco sotto al 5% (4,99%) c’è invece il Piemonte. A fronte di questa chiusura di massa dei bar sono due le regioni dove abbiamo assistito ad un’inversione di tendenza: in Sicilia e Campania l’aumento dei locali rilevato è compreso tra l’1 e il 2%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli