Covid, Resta: Polimi aperto come nei momenti più bui della storia

Mch
·1 minuto per la lettura

Milano, 31 ott. (askanews) - "Il Politecnico di Milano è un luogo di scienza, di cultura e di ricerca. Per questi motivi ritengo che le nostre aule, i nostri laboratori, le nostre biblioteche debbano rimanere aperti e accessibili. Il Politecnico è aperto oggi come lo è stato nei momenti più bui della nostra storia". Lo ha scritto in una lunga lettera aperta alla comunità del Politecnico di Milano il rettore dell'ateneo e presidente della Crui, Ferruccio Resta. "In questo momento - ha rivendicato il rettore - i nostri campus sono un luogo sicuro dove le regole per evitare il contagio sono rigorose e rispettate. Abbiamo allestito spazi sicuri. Abbiamo chiesto ai nostri docenti di entrare in aula ogni giorno dal 14 settembre ad oggi, anche di sabato, modificando orari e abitudini", ha scritto il lettore rivolgendosi a studenti e colleghi. Per Resta "è possibile che tra qualche giorno le autorità sanitarie ci chiederanno di passare integralmente alla didattica a distanza. Saremo pronti a farlo nel rispetto del ruolo delle istituzioni. Siamo preparati a commutare tutta la didattica in remoto, a ridurre ulteriormente la presenza, a fare il nostro dovere per rispettare scelte di sanità pubblica. Sapremo anche questa volta dimostrare il nostro senso di responsabilità. Quel giorno ci chiederemo se sarà valsa la pena provare, fino all'ultimo, a tenere aperta l'università. Già oggi, io rispondo di sì, in modo convinto". La sospensione delle attività in presenza per il Politecnico "non sarà una sconfitta, ma solo un altro momento buio all'interno di un anno indubbiamente terribile che affronteremo insieme, uniti come lo siamo stati in questi mesi, in attesa di ritrovare la serenità dei tempi migliori", ha chiosato Resta.