Covid, Rezza: "Il virus circola velocemente. Usare le mascherine e raccomandata la quarta dose"

Covid Rezza mascherine
Covid Rezza mascherine

Nonostante l’arrivo della stagione estiva, il tasso di positività appare in rialzo, complice la diffusione di nuove varianti su cui gli esperti lanciano un allarme. C’è chi avanza l’ipotesi di stop isolamento per i positivi, generando però non poco scetticismo. A lanciare un nuovo avvertimento è il professor Gianni Rezza.

Covid, l’allarme di Rezza

Commentando i dati del monitoraggio settimanale Iss-ministero sull’andamento epidemiologico in Italia, Rezza ha dichiarato: “Considerato che la velocità di circolazione virale è ancora relativamente elevata, anche laddove non è obbligatorio è bene sempre considerare l’uso di mascherine, soprattutto in presenza di forti aggregazioni“.

Ribadisce, inoltre, l’importanza del vaccino anti-Covid che aiuta ad arginare le forme gravi della malattia. Infatti, ha sottolineato: “È raccomandata la somministrazione della quarta dose alle persone più anziane e fragili.

In occasione del World Health Summit Regional Meeting, in corso all’Università La Sapienza, ha spiegato che il virus “sta diventando endemico e ci aspettiamo nuove frequenti ondate ma di limitata intensità. Anche ora ci aspettiamo una nuova ondata, ma pensiamo che l’intensità sarà limitata”. Al momento, si rivela quindi fondamentale adattare velocemente i vaccinialle varianti, anche velocizzando le approvazioni”.

Sull’ipotesi di immunità di gregge ha precisato che si tratta di “un sogno perduto a causa delle varianti, che rispondono meno ai vaccini, e anche per la mancanza di un accesso globale a livello mondiale alle vaccinazioni”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli