Covid, Rezza: "Rt tende a salire, sopra 1 in Veneto"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

"Vediamo una tendenza alla stabilità con una leggera diminuzione dell’incidenza, siamo sopra la soglia critica per le terapie intensive. E purtroppo c'è una tendenza, seppur lieve, all’incremento dell’indice Rt con una regione in una situazione tale da poter richiedere ulteriori misure di prevenzione e controllo". A descrivere così la situazione di Covid-19 in Italia è il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, durante la conferenza stampa sull'analisi dei dati del Monitoraggio regionale della Cabina di regia.

"Dopo alcune settimane in cui si è assistito a una tendenza alla diminuzione nell'Rt", l'indice di trasmissibilità, "e nel numero di nuovi casi, adesso abbiamo una sorta di tendenza alla stabilizzazione. Tanto è vero che l'incidenza che la scorsa settimana si calcolava essere a circa 375 nuovi casi per 100mila abitanti questa settimana è su 330 per 100mila, quindi la diminuzione è veramente lieve. Lo vediamo anche dai dati quotidiani, vediamo che ogni giorno sia i numeri dei positivi a Sars-CoV-2 che la percentuale di positivi sui test eseguiti rimane più o meno stabile e da un paio di settimane abbiamo ormai una tendenza a un lieve incremento di nuovo dell'Rt: era a 0,82 due settimane fa, è salito a 0,86 la scorsa settimana e ora è a 0,9".

Ci sono poi "un paio di regioni, Lazio e Lombardia che hanno un Rt un po' instabile e il Veneto che ha un Rt superiore a 1 e un'incidenza che sembra essere di nuovo piuttosto elevata", ha illustrato Rezza. "Naturalmente tutto ciò fa sì che bisogna continuare a tenere un po' alta l'attenzione - ammonisce - E anche le misure restrittive che sono state prese tendono a cercare di non determinare un aumento ulteriore dell'Rt che sta a significare la trasmissione dell'infezione. Dovremmo anche cercare di abbattere un po' di più l'incidenza. E' chiaro che il tasso ideale sarebbe sotto 50 per 100mila abitanti e ora siamo sopra 300 per 100mila".