Covid, Ricciardi: “Solo le decisioni basate sull’evidenza scientifica preservano salute ed economia”

covid ricciardi
covid ricciardi

Il consulente del ministro della Salute Roberto Speranza e professore di Igiene presso l’università Cattolica, Walter Ricciardi, ha espresso alcune considerazioni rispetto alla recente impennata di casi di positività al Covid in Italia causati dalla variante Omicron.

Covid, Ricciardi: “Solo le decisioni basate sull’evidenza scientifica preservano salute ed economia”

Il bilancio della pandemia Covid in Italia aggiornato alla giornata di mercoledì 13 luglio 2022 ha segnalato la presenza di 110.168 nuovi casi di positività al virus e 106 morti. Mentre la campagna vaccinale riparte con nuova linfa dando avvio alle prenotazioni per la quarta dose agli over 60 e ai fragili di età superiore ai 12 anni, la nuova ondata di contagi non accenna a placarsi.

Sul rinvigorirsi dell’emergenza sanitaria che, per la prima volta dal 2020, sta dilagando nel periodo estivo, si moltiplicano dibattiti e opinioni. A questo proposito, è intervenuto il consulente del ministro della Salute Roberto Speranza e professore di Igiene presso l’università Cattolica, Walter Ricciardi.

Il consulente del ministro della Salute, infatti, ha postato il seguente messaggio su Twitter: “È sconcertante sentire quelli che dicono che questa ondata è sorprendente e quelli che sostengono che tutto ciò era ed è inevitabile. Solo decisioni basate sull’evidenza scientifica possono preservare stabilmente salute ed economia, tutto il resto sono ondate pandemiche in serie”.

Il tweet di Ricciardi è stato scritto in risposta al post del presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, che nella giornata di martedì 12 luglio, soffermandosi sull’andamento della pandemia in Italia, ha scritto: “Prima aumenta l’RT. Poi aumentano i nuovi casi. Poi aumentano i ricoveri. Poi aumentano i morti”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli