Covid, richiamo vaccino diminuisce di molto rischio contagio - studio Israele

·2 minuto per la lettura
Una fiala con il logo Pfizer-BioNTech

GERUSALEMME (Reuters) - In Israele la terza dose del vaccino Covid-19 di Pfizer ha aumentato in maniera significativa la protezione dal contagio e dalle forme gravi della malattia tra gli over 60 rispetto alla popolazione che ha ricevuto solamente due dosi.

È quanto emerge dai risultati di uno studio pubblicato ieri sulla pagina web del ministero della Salute, già era presentati giovedì nel corso della riunione di un gruppo di esperti sulla vaccinazione del ministero. Non sono stati tuttavia resi disponibili i dettagli completi dello studio.

I risultati confermerebbero così alcuni dati pubblicati la scorsa settimana da Maccabi, azienda che si occupa di fornire servizi sanitari in Israele, tra le diverse organizzazioni che somministrano richiami per cercare di frenare la variante Delta del coronavirus.

Dopo aver analizzato i dati forniti dagli istituti israeliani Gertner e KI i funzionari del ministero hanno reso noto che tra gli over 60 anni la protezione dal contagio a 10 giorni dalla somministrazione della terza dose è di quattro volte superiore rispetto a quella dei cittadini che hanno ricevuto solamente la seconda dose.

Per quanto riguarda le forme gravi della malattia e i ricoveri la terza inoculazione ha offerto una protezione da cinque a sei volte maggiore dopo 10 giorni.

Si tratta di una fascia di età particolarmente vulnerabile al Covid-19, che in Israele è stata la prima a essere inoculata all'inizio della campagna di vaccinazione alla fine di dicembre.

Nelle ultime settimane il ministero della Salute ha affermato che l'immunità sta diminuendo con il tempo sia negli adulti che nei giovani. La maggior parte delle persone vaccinate che si sono ammalate gravemente in Israele hanno più di 60 anni e presentano comorbidità.

Israele ha iniziato a somministrare la terza dose agli ultrasessantenni il 30 luglio. Giovedì il paese ha abbassato l'età minima per un richiamo a 40 anni e ha incluso donne incinte, insegnanti e operatori sanitari anche più giovani tra gli aventi diritto. Le terze dosi vengono somministrate a coloro che hanno ricevuto la seconda inoculazione almeno cinque mesi fa.

Gli Stati Uniti hanno reso noto di avere in programma richiami per tutti i cittadini sulla base di dati che mostrano un calo nella protezione del vaccino. Canada, Francia e Germania hanno fatto sapere che avvieranno delle campagne per i richiami.

A causa di una nuova ondata della variante Delta iniziata a giugno, Israele ha attualmente uno dei più alti tassi di contagio pro-capite al mondo. Quasi 1,5 milioni di persone sui 9,3 milioni di abitanti del Paese hanno ricevuto la terza dose.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Stefano Bernabei, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli