Covid, su AstraZeneca parere positivo dell'Agenzia europea del farmaco

·2 minuto per la lettura
astrazeneca ema 1
astrazeneca ema 1

È iniziata alle ore 17 la conferenza stampa dell’Ema nella quale sono state esposte le decisioni prese dall’agenzia in merito al vaccino AstraZeneca, dopo che già nella giornata di martedì 16 marzo una precedente riunione aveva stabilito come priorità quella di garantire la sicurezza del farmaco. Come previsto, l’Ema ha proceduto con il via libera alla redistribuzione del vaccino, confermando la sua efficacia in quanto i potenziali rischi sono comunque di gran lunga inferiore ai benefici che quest’ultimo apporta alla popolazione.

AstraZeneca, rinviata conferenza stampa Ema

Nel corso della conferenza stampa, la direttrice dell’Ema Emer Cooke ha dichiarato che: “Il comitato è arrivato alla conclusione che, dopo aver analizzato i casi di persone che hanno avuto problemi di trombosi dopo la somministrazione, si tratta di un vaccino sicuro ed efficace. Protegge le persone dal Covid e dai conseguenti rischi di morte e ospedalizzazione”.

In seguito Cooke ha aggiunto che: Il vaccino non è associato a un aumento di eventi trombo embolici. Durante le reviews abbiamo visto un piccolo numero di casi di effetti collaterali insoliti. Dopo analisi approfondite ancora non possiamo escludere un collegamento tra questi casi e il vaccino, ma il comitato ha raccomandato di mantenere l’attenzione su queste condizioni rare”.

I pareri delle altre agenzie europee

Nel frattempo, il direttore generale dell’Aifa Nicola Magrini ha commentato in audizione alla Commissione Affari Speciali i casi di trombosi verificatisi in alcuni pazienti vaccinati con AstraZeneca, ribadendo l’assenza di nesso tra i due eventi: “L’attuale versione dell’Assessment report, o sintesi dei dati, nelle conclusioni afferma chiaramente che non è stato stabilito nessun nesso tra questi eventi rari e il vaccino in questione. Ovvero sono eventi segnalati ma in cui non è stabilito un nesso di causalità. Questo può portare comunque, analizzando il complesso dei fenomeni accaduti, ad alcune raccomandazioni all’uso che sono in corso di valutazione”.

Collegamenti che sono stati esclusi categoricamente anche dall’Agenzia britannica del farmaco. Nel Regno Unito peraltro il vaccino di AstraZeneca non è mai stato sospeso ed è già stato somministrato a milioni di cittadini senza aver riscontrato particolari problemi.