Covid, "rischio terza ondata in Inghilterra"

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

I nuovi modelli epidemiologici presentati al governo evidenziano il rischio in Inghilterra di "una sostanziale terza ondata" di infezioni da coronavirus. E' quanto ha dichiarato il professor Neil Ferguson, dell'Imperial College di Londra, secondo il quale rinviare la nuova fase di 'sblocco' del Paese, prevista il 21 giugno, potrebbe avere benefici in quanto molte altre persone saranno immunizzate per quella data.

Secondo il professore, citato dal 'Telegraph', gli effetti delle eventuali ondate future di contagi dipenderanno da quanto efficaci si dimostreranno i vaccini nel prevenire ricoveri e decessi, in particolare di fronte alla cosiddetta variante indiana.