Covid: Rosato, 'violenti non c'entrano con proteste lavoratori e famiglie'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 12 apr. (Adnkronos) – Siamo dalla parte dei lavoratori, dei professionisti, degli imprenditori in difficoltà. La nostra priorità deve essere dare loro sostegno e riaprire il Paese in sicurezza, e per farlo servono rispetto delle regole e vaccini, vaccini, vaccini". Lo scrive in un post su Facebook Ettore Rosato, vice presidente della Camera.

"Comprendo il dolore, la sofferenza, la frustrazione di chi rischia il proprio lavoro costruito nel tempo con sacrificio e sudore. Non è tollerabile invece la violenza, quella organizzata da forze estremiste e da facinorosi che strumentalizzano i sentimenti delle persone. Quella che anche oggi nel centro di Roma ha cercato di trasformare la piazza in guerriglia prendendo di mira gli agenti del dispositivo di sicurezza con lancio di bottiglie e petardi”.

“Questi violenti non c’entrano nulla con chi ha pacificamente protestato in piazza, madri e padri di famiglia che meritano tutto il nostro rispetto e vicinanza, ma – conclude il presidente di Italia Viva – soprattutto risposte veloci e concrete”.