Covid, Rt pari a 1,5

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

L'indice di contagio Rt, calcolato sui casi sintomatici, è arrivato a 1,5. Un dato "significativamente sopra 1, che indica una situazione complessivamente e diffusamente molto grave sul territorio nazionale, con rischio di criticità importanti a breve termine in numerose Regioni e province autonome". Lo evidenzia il Report settimanale Istituto superiore di sanità-ministero della Salute con il monitoraggio dell'epidemia Covid in Italia nel periodo 12-18 ottobre.

"Sono complessivamente 7.625 i focolai attivi, di cui 1.286 nuovi. Quindi, anche se sono in aumento i focolai attivi, per la prima volta in 11 settimane è in diminuzione il numero di nuovi focolai (nella precedente settimana di monitoraggio erano stati segnalati 4.913 focolai attivi di cui 1.749 nuovi)", riporta il Report. "Questa diminuzione - spiegano gli esperti - è probabilmente dovuta al forte aumento di casi per cui i servizi territoriali non hanno potuto individuare un link epidemiologico: sono stati segnalati" infatti "23.018 casi non associati a catene di trasmissione note (vs 9.291 la settimana scorsa), che corrisponde al 43,5% del totale di casi notificati questa settimana".

"Sono stati riportati focolai nella quasi totalità delle province (106/107) - prosegue il rapporto - La maggior parte di questi focolai continua a verificarsi in ambito domiciliare (81,7%), che al momento rappresenta un contesto di amplificazione della circolazione virale e non il reale motore dell'epidemia".