Covid, in Sardegna 1.006 posti letto per far fronte a emergenza

Red
·1 minuto per la lettura

Cagliari, 9 nov. (askanews) - La Regione Sardegna in una nuova delibera ha individuato complessivamente 1.006 posti letto nella suddivisione dei vari Comuni per ospitare i pazienti Covid.

Secondo la rimodulazione deliberata i 552 di prossima attivazione progressiva vengono così suddivisi: 40 di degenza ordinaria e 1 di terapia intensiva a Bosa, 41 (1 di intensiva) a Isili, e sempre 41 (1 di intensiva) a Muravera.

Per Iglesias di 25 di degenza ordinaria, di 4 di subintensiva e 4 di intensiva. Per Ghilarza è prevista l'attivazione progressiva di 60 posti di degenza ordinaria e 6 di intensiva.

La delibera della Giunta Solinas individua in modo dettagliato tutti i presidi adibiti ai pazienti affetti da coronavirus. Alle Cliniche San Pietro di Sassari i posti letto sono 135 (4 attivazione progressiva).

I posti letto dedicati dal Mater Olbia sono 36 (16 attivazione progressiva). Al Marino di Alghero i posti individuati sono 95 (47 attivazione progressiva), al Civile di Alghero restano 6. Il Policlinico Sassarese mette a disposizione 70 posti letto (30 attivazione progressiva).

il San Francesco di Nuoro ha 80 posti letto (24 attivazione progressiva); 18 posti al San Martino di Oristano (6 attivazione progressiva); 2 in terapia intensiva Neonatale al Policlinico di Cagliari.

La struttura che offre più posti letto è il Santissima Trinità di Cagliari con 192 di cui 48 di attivazione progressiva; il Binaghi di Cagliari avrà 100 posti; la clinica Kinetika 50 posti. Complessivamente, i posti di intensiva attualmente operativi sono 59, quelli attivabili progressivamente sono 72.