Covid Sardegna, "no lockdown ma provvedimenti mirati"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

"Pur nell'oggettiva criticità dell'emergenza, lo stop&go resta l'extrema ratio e sino a che i numeri del contagio potranno essere gestiti con misure alternative, non ci sarà alcun lockdown per la Sardegna, ma una serie di provvedimenti mirati, finalizzati alla massima riduzione delle possibilità di circolazione del virus. Provvedimenti che saranno adottati con specifiche ordinanze, nei prossimi giorni, anche alla luce del costante confronto con tutte le forze politiche del Consiglio regionale, con il Cts e con il Governo nazionale". Lo chiarisce il presidente della Regione, Christian Solinas, che stamane ha illustrato la sua linea nel corso della Conferenza dei Capigruppo, "per perseguire, sottolinea il Presidente, la massima condivisione con i rappresentanti di tutte le forze politiche".

Alla riunione, protrattasi per 4 ore, hanno partecipato anche l'Assessore alla Sanità Mario Nieddu e alcuni membri del Cts regionale. "La situazione - ha detto Solinas - è preoccupante, e richiede il massimo impegno da parte di tutti, Istituzioni e cittadini. Ancora una volta faccio appello al grande senso di responsabilità dimostrato dai Sardi, senza il quale non potremo affrontare e vincere questa ulteriore difficile sfida. Nei prossimi giorni adotterò Ordinanze per stabilire regole che assicurino un maggior livello di controllo sanitario e la salvaguardia delle attività produttive. Le Ordinanze potrebbero prevedere regole più stringenti per i locali pubblici, una riduzione, ma non un blocco, delle tratte aeree e marittime, il ricorso alla didattica a distanza nelle scuole superiori e nell'università".

Sono 349 i nuovi casi di contagio da Covid-19 in Sardegna, il dato più alto raggiunto finora. Nell’aggiornamento dell’Unità di crisi regionale non si registrano nuovi decessi, che si fermano a 181. I tamponi eseguiti sono stati 3.746, il massimo effettuato finora in 24 ore. Sono 275 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale (+11 rispetto al dato di ieri), mentre resta invariato il numero dei pazienti in terapia intensiva, 36. Le persone in isolamento domiciliare sono quasi 4mila (3.975), 92 le persone guarite in più. Dei 7.235 casi positivi complessivamente accertati, 1.309 (+86) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 1.116 (+100) nel Sud Sardegna, 605 (+38) a Oristano, 1.041 (+45) a Nuoro, 3.164 (+80) a Sassari.