Covid, scoperti 93 furbetti del “bonus spesa” nel Lodigiano

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 ott. (askanews) - Indebita percezione del cosiddetto "bonus spesa Covid- 19" destinato alle famiglie in difficoltà economiche per gli effetti dell'emergenza Coronavirus. Ruota attorno a questa accusa l'operazione condotta dalla Guardia di Finanza nei confronti di 93 persone residenti in 8 comuni del Lodigiano e in un Comune del Milanese. Sono tutte accusate di aver ottenuto il sussidio statale senza diritto.

Le Fiamme Gialle di Casalpusterlengo hanno effettuato controlli sulla situazione reddituale e patrimoniale di oltre 3 mila persone beneficiare del bonus spesa, ricontrando in 93 casi la mancanza dei requisiti previsti dalla specifica normativa per accedere al beneficio, dato che uno o più dei componenti dei nuclei famigliari, a seconda dei casi, percepivano altri sussidi come il Reddito di Cittadinanza, l'indennità di disoccupazione o altre prestazioni sociali agevolate per importi anche pari ad 800/1.200 euro mensili (circostanza, questa, ostativa al conseguimento del beneficio), senza farne menzione nella relativa istanza. I 93 "furbetti del bonus spesa" hanno ottenuto indebitamente sussidi per circa 32 mila euro e per loro sono scattate sanzioni amministrative per un totale di oltre 95 mila euro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli