Covid, scoppia un focolaio in una nota azienda di Arezzo: una quarantina i positivi

·1 minuto per la lettura
Covid focolaio azienda Arezzo
Covid focolaio azienda Arezzo

Il numero dei contagi in Italia corre sempre più velocemente, tanto che solo nella provincia di Arezzo sono oltre 300 i nuovi casi. È questo il contesto nel quale è scoppiato il focolaio in una nota azienda del settore della tecnologia di Arezzo nella quale sono stati rilevati una quarantina di positivi. Stando a quanto si apprende dal quotidiano “La Nazione” il cluster sarebbe stato generato dalla positività di un dipendente asintomatico.

Covid focolaio azienda Arezzo, sono 313 i nuovi positivi nell’aretino

Nel frattempo stando a quanto emerge dal bollettino dei contagi diramato dalla Asl Toscana Sud Est, sono stati 313 i nuovi contagi su un totale di 2.268 tamponi. Di questi la fascia più colpita è quella dei giovani di età tra i 19 e i 34 anni con un totale di 113 casi. Sono stati rilevati 98 casi nella fascia tra i 50 e i 64 anni.

Covid focolaio azienda Arezzo, la situazione in Toscana

Altrettanto importanti i numeri relativi ai nuovi casi rilevati nella Regione Toscana nella giornata di martedì 28 dicembre. Secondo l’ultimo bollettino i nuovi casi sono stati 4.453, mentre sono 6 invece i decessi registrati.

Covid focolaio azienda Arezzo, l’appello di Giani al Governo

Intanto il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, in previsione della cabina di regia del Comitato tecnico scientifico attesa nella mattinata del 29 dicembre, ha lanciato un appello al Governo affinché venga instaurato un regime di lockdown per i non vaccinati: “Faccio appello al governo, in vista delle decisioni che prenderà mercoledì, affinché vada verso quello che per il contrasto al Covid è ormai necessario: l’obbligo vaccinale o il lockdown per i non vaccinati, sul modello di quanto fatto in Austria e Germania”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli