Covid: si allarga inchiesta su dati falsi, atti verranno trasmessi ad altre Procure

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 30 mar. (Adnkronos) – Si allarga l'inchiesa sui dati falsi sulla pandemia che ha portato all'arresto della dirigente del Dipartimento Sanità Maria Letizia Di Liberti e all'avviso di garanzia all'assessore della Salute Ruggero Razza. Gli atti dell'indagine verranno trasmessi infatti, come apprende l'Adnkronos, ad altre Procure. La Procura di Palermo, ad esempio, dovrà vagliare la posizione del commissario per l'emergenza Covid Renato Costa, il cui nome emerge dalle intercettazioni. E anche il gip lo scrive nella ordinanza : "Tenuto conto dell’importante lavoro investigativo svolto e del tempismo con cui è stata avanza la presente richiesta di applicazione di misure cautelari, la prudenza della pubblica accusa appare espressiva dell’intento di coniugare l’indifferibilità dell’intervento – contenuto nel minimo indispensabile per scongiurare ulteriori conseguenze – col rispetto delle prerogative e delle scelte che potranno essere fatte dall’autorità giudiziaria competente per territorio, alla quale è stata chiesta la trasmissione degli atti e che sarà chiamata a completare l’attività investigativa".