Covid, sintomi presenti ma il tampone è negativo: perché succede

Covid, sintomi presenti ma il tampone è negativo: perché succede (Photo illustration by Jakub Porzycki/NurPhoto via Getty Images)
Covid, sintomi presenti ma il tampone è negativo: perché succede (Photo illustration by Jakub Porzycki/NurPhoto via Getty Images)

Sta accadendo a tante persone: i sintomi del Covid ci sono tutti, ma il tampone risulta negativo. Poi, dopo qualche giorno, quando i sintomi sono quasi passati, il tampone risulta positivo. Perché accade? A questa domanda la comunità scientifica sta tentando di dare una risposta.

LEGGI ANCHE: Covid Italia, picco vicino. "Isolamento positivi non cambia"

Sul sito della federazione dell'Ordine dei medici (Fnomceo), nella rubrica web "Dottore, ma è vero che?”, si spiega che al momento non si sa a quante persone sia capitato ed è anche difficile fare una stima, poiché sempre più pazienti si sottopongono a test fai-da-te. Proprio questi test potrebbero essere all'origine del problema. Secondo i medici, però, la causa di questi episodi potrebbe anche essere legata al comportamento del nostro sistema immunitario.

LEGGI ANCHE: Vaccino covid e mestruazioni, maxi studio: 40% riporta alterazioni

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Covid, Rezza: elevata circolazione virus, fare quarta dose

“Si pensa che i sintomi precedano il risultato positivo ai test perché oggi il sistema immunitario si attiva molto più velocemente contro il virus”, si spiega nella rubrica, “all'inizio della pandemia i contagi avvenivano tra persone che non avevano mai preso prima Sars-CoV-2 e che non erano vaccinate. Il virus poteva agire indisturbato per diversi giorni prima che l'infezione fosse tale da essere rilevata dal sistema immunitario”. Oggi, invece, la situazione è cambiata, poiché la maggioranza della popolazione è ormai stata esposta al virus o vaccinata.

LEGGI ANCHE: Covid, in Italia Omicron 5 predominante al 75,5%

“La reazione immunitaria è più rapida e può portare a casi in cui si hanno sintomi ma non si risulta positivi perché la carica virale non è ancora sufficiente rispetto alla sensibilità del test", spiegano i medici.

Poi c'è un'altra ipotesi, e cioè che questi episodi dipendano dalle nuove varianti e da come circolano nell'organismo: alcuni studi hanno rilevato un minore accumulo delle particelle virali nelle cellule del naso, rendendo più probabili i falsi negativi.

LEGGI ANCHE: Covid, Rezza: elevata circolazione virus, fare quarta dose vaccino

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Covid, l’OMS chiede ai governi di valutare il ritorno alle restrizioni

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli