Covid: slitta obbligo vaccino in P.A., non entra in dl

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 dic. (Adnkronos) – Slitta in Consiglio dei ministri l'obbligo di vaccino per i dipendenti della PA, un bacino di circa 950mila lavoratori considerando che l'obbligo è già scattato per chi opera nella sanità, nelle scuole e nelle forze dell'ordine, dunque il grosso del comparto. L'obbligo non è mai entrato nella bozza del dl, ma di fatto è stato il 'piatto forte' della cabina di regia di questa mattina, aggiornata al pomeriggio, tra il premier Mario Draghi e le forze di maggioranza. Idea del presidente del Consiglio, a quanto apprende l'Adnkronos, era partire dall'obbligo nella PA, per poi estenderlo anche al settore privato, dunque a tutto il mondo del lavoro. Ma in questo si sono registrate posizioni differenti al tavolo di confronto, che ne ha discusso anche nel corso del Cdm. La decisione, a quanto apprende l'Adnkronos da fonti presenti al Consiglio dei ministri, è al momento rinviata, perché si ragiona sull'estensione all'intero mondo del lavoro, senza distinguo, un'ipotesi fortemente caldeggiata dal ministro Renato Brunetta in linea con quanto già avvenuto per il green pass.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli