Covid, Spada: dopo shock a Milano serve nuova capacità progettuale

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Sesto San Giovanni (MI), 1 lug. (askanews) - Nell'anno del coronavirus "Milano ha sofferto" e "dopo questo shock la città deve mettere in campo una nuova capacità progettuale, che abbia come orizzonte l'area metropolitana e che faccia perno su una rinnovata collaborazione fra pubblico e privato, per realizzare le grandi transizioni della nostra economia, quella green e quella digitale". Lo ha detto il presidente di Assolombarda, Alessandro Spada, nel corso dell'assemblea annuale dell'associazione in corso a Sesto San Giovanni (Mi).

"La pandemia - ha sottolineato - ha colpito il turismo in modo drammatico: nel 2020 il crollo è stato del -76% negli arrivi a Milano. Considerando che la Lombardia è la prima regione turistica in Italia per valore aggiunto, si tratta di una perdita molto pesante. Altro settore caratteristico dell'economia milanese, in forte sofferenza, è la moda che nel primo trimestre di quest'anno mostra ancora un pesantissimo calo di attività rispetto allo stesso periodo del 2019. Lo dicono le cifre dell'export: -13%".

Spada ha poi ricordato che "qui dove siamo ora, nell'area ex Falck, si sta realizzando la più grande bonifica di terreni mai fatta da privati in Europa. Ci sono importanti investitori stranieri che realizzeranno un mix di abitazioni in affitto per studenti e per famiglie, ci saranno luoghi di svago, studio, sport e lavoro. Qui - ha concluso - ci sarà il futuro dell'Istituto dei tumori e dell'Ospedale Besta con un importante impegno finanziario da parte di Regione Lombardia. E ci sarà anche un nuovo polo del San Raffaele".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli