Covid, Speranza "Non sprechiamo crisi, bisogna investire su Ssn"

·1 minuto per la lettura

RIMINI (ITALPRESS) - "Se c'e' una cosa su cui bisogna mettere davvero le risorse e' il Servizio sanitario nazionale. Servono risorse, e' inutile girarci intorno, perche' se non investiamo sara' difficile rispettare i principi che stanno sulla Carta Costituzionale. Non dobbiamo sprecare questa crisi". Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento al Meeting di Rimini, nel talk dal titolo "Nuovi sistemi sanitari nel mondo".

Secondo Speranza "non va bene che sia un ufficio di bilancio che mi dica quanto diritto alla salute devo tutelare e per troppi anni e' stato cosi', ma per me e' tutto l'opposto". Sul fronte della lotta alla pandemia "quella di oggi e' una stagione importante - ha aggiunto -, e' una fase nuova in cui abbiamo anche armi diverse come i vaccini, che ci aiutano a gestire la situazione con meno chiusure. Il diritto alla salute e' la cosa piu' importante che abbiamo. Da ministro in questi mesi ho vissuto una contraddizione.

A un certo punto della vicenda Covid si e' sviluppata la retorica degli eroi sul personale sanitario e dall'altro lato pero' in Italia e' stata vigente una norma che per 15 anni ha congelato la spesa che le Regioni potevano fare su di loro a quella del 2004.

E' una contraddizione intollerabile. Questo da' la sensazione della realta' con cui dobbiamo fare i conti".

"La partita dei vaccini riguarda tutti e per questo non possiamo immaginare che intorno ai vaccini si consumi una forte disuguaglianza - ha evidenziato Speranza -. Credo sia sciocco anche sul piano dei nostri interessi perche' non ci salviamo da soli. Se non aiutiamo anche gli altri Paesi a vaccinarsi, ci arriveranno altre varianti. Dobbiamo imparare a lavorare meglio e di piu' insieme".

(ITALPRESS).

sfe/sat/red

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli