Covid, studio: variante inglese è “significativamente” più letale

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 mar. (askanews) - La variante inglese del coronavirus, già nota come più contagiosa, è anche più mortale: del 30-100% più letale delle precedenti, secondo uno studio riportato da Reuters.

Lo studio mette a confronto i tassi di mortalità di coloro che sono stati contagiati dalla nuova variante nota come B.1.1.7 e coloro che sono stati contagiati dalle altre. Secondo gli scienziati la variante inglese ha una mortalità "significativamente più alta".

Questa variante è stata individuata per la prima volta in Gran Bretagna a settembre del 2020 ed è statao poi trovata in oltre 100 Paesi. Ha tre mutazioni nel suo codice genetico che hanno trasformato il virus rendendolo più contagioso del 40-70%.

Lo studio è stato pubblicato dal British Medical Journal: su 54.906 pazienti, 227 sono morti per la variante inglese, 141 con le altre. "Sommata alla sua abilità di trasmettersi rapidamente, questo rende la B.1.1.7 una minaccia che deve essere presa seriamente", ha detto uno dei ricercatori della Exeter University che ha co-condotto lo studio, Robert Challen.