Covid, terza dose vaccino a 40-60enni da 1 dicembre - Speranza

·1 minuto per la lettura
Il ministro della salute italiano Roberto Speranza gesticola mentre parla durante una conferenza stampa.

MILANO (Reuters) -Dal primo dicembre la platea di coloro che potranno ricevere la terza dose di vaccino anti-Covid sarà estesa alla fascia dai 40 ai 60 anni di età.

Lo ha detto oggi il ministro della Salute Roberto Speranza rispondendo al question time alla Camera.

"Vorrei annunciare al Parlamento che abbiamo scelto di fare un ulteriore passo in avanti nella campagna vaccinale - ha detto in aula il ministro - Dal primo dicembre nel nostro Paese sarà chiamato per la terza dose anche chi ha tra i 40 e i 60 anni".

"Si tratta di un ulteriore passo in avanti perché riteniamo che la terza dose sia un tassello importante per la nostra strategia di contrasto al Covid", ha aggiunto.

Successivamente il ministero ha precisato e ribadito che anche per questa fascia d'età devono esesre passati sei mesi dal completamento del ciclo vaccinale e la terza dose deve essere con vaccino a mRNA.

Peraltro tutte le autorità regolatorie per tutte le fasce d'età e le categorie di vaccinati avevano in precedenza dato l'ok alla terza dose, o al richiamo, dopo sei mesi dalla vaccinazione completa.

Speranza aveva annunciato l'allargamento della platea dei vaccinabili con la terza dose nella conferenza stampa di venerdì col commissario straordinario all'emergenza Covid, il generale Francesco Figliuolo, e il presidente del consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli.

Al momento in Italia la terza dose, o il richiamo, è prevista per gli over 60, i fragili di ogni età, gli operatori sanitari e coloro ai quali è stato somministrato il vaccino monodose di Johnson&Johnson.

(Emilio Parodi, in redazione a Milano Sabina Suzzi, mailto:emilio.parodi@thomsonreuters.com; +39 06 8030 7744)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli