Covid, terza ondata in Puglia: "Posti esauriti al San Paolo di Bari"

·1 minuto per la lettura
Puglia ospedali sotto pressione
Puglia ospedali sotto pressione

Gli ospedali della Puglia continuano ad essere sotto pressione a causa della terza ondata di contagi: diverse strutture hanno esaurito i posti e si sono appellate ai vertici reginali affinché procedano con l’attivazione di nuove postazioni.

Ospedali della Puglia sotto pressione

Nella giornata di sabato 20 marzo 2021 il San Paolo di Bari ha chiesto uno stop all’arrivo di nuove ambulanze del 118 data la “gravissima situazione esistente dettata dalla completa saturazione dei posti letto e delle barelle ma anche dalla mancanza di bocchettoni dell’ossigeno disponibili. Dopo l’allarme la direttrice sanitaria dell’ospedale ha fatto sì che i posti letto disponibili della Pneumologia aumentassero da 18 a 24 per consentire al Pronto Soccorso di accogliere nuovi pazienti.

Il punto principale messo in evidenza da una nota del presidio è però la necessità di nuovi operatori, in particolare 10 infermieri, 5 operatori sanitari e 4 dirigenti medici specialisti in pneumologia, cardiologia e medicina interna. Gli stessi che servirebbero per consentire all’ospedale allestito nei padiglioni della Fiera del Levante di funzionare a pieno regime. I sindacati avevano per altro già lanciato l’allarme sulla mancanza di personale per assicurare il pieno funzionamento dei 152 posti letto.

Non è messa meglio nemmeno l’area di Brindisi, dove lunedì 22 inizieranno le operazioni per l’attivazione di altri 40 posti letto Covid nelle strutture ospedaliere dell’Asl brindisina. Trenta posti saranno attivati nel reparto di Medicina interna dell’ospedale Perrino, gli altri dieci nella Chirurgia generale dell’ospedale di Ostuni.