Covid: tra temi incontro Biden-Draghi, punto su vaccini in Paesi via di sviluppo

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Washington, 10 mag. (Adnkronos) – La lotta al Covid, con un occhio attento ai Paesi in via di Sviluppo, dove la campagna di vaccinazione stenta a decollare. Ci sarà anche questo tra i temi al centro del confronto tra il Presidente americano Joe Biden e il premier Mario Draghi, atteso tra una manciata di ore alla Casa Bianca. L’amministrazione Biden è sempre stata tra i principali promotori di iniziative di diplomazia globale contro il Covid.

In tale contesto, il 12 maggio – il giorno del rientro del Presidente Draghi da Washington – si svolgerà in videoconferenza il secondo 'Global Covid-19 Summit', la cui prima edizione si è svolta lo scorso settembre a margine dell’Assemblea Generale Onu. Il Summit, organizzato dagli Stati Uniti in collaborazione con la Germania (Presidenza G7), l’Indonesia (Presidenza G20), il Senegal (Presidenza dell’Unione africana) e il Belize (Presidenza del CARICOM), ha l’obiettivo di continuare a mobilitare gli sforzi della comunità internazionale nel contrasto al COVID-19 e di rafforzare la sicurezza sanitaria globale. Il presidente Draghi interverrà al Summit in videoconferenza, ricordando probabilmente l'impegno dell'Italia che ha contribuito alla risposta alla pandemia già con 425 milioni di euro, di cui oltre 385 milioni per COVAX e aa reso disponibili oltre 70 milioni di dosi di vaccini per i paesi a reddito medio e basso, principalmente attraverso il Covax Facility. Quasi 45 milioni di dosi sono già state erogate. L’Italia si è anche impegnata a sostenere la formazione e la protezione degli operatori sanitari e le campagne di vaccinazione nei paesi più vulnerabili.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli