Covid, Trentino, Liguria e Veneto in zona gialla da lunedì 20 dicembre: i dati sui ricoveri

·1 minuto per la lettura
trentino liguria veneto gialla
trentino liguria veneto gialla

A partire da lunedì 20 dicembre altre tre regioni italiane entreranno in zona gialla raggiungendo così Friuli Venezia-Giulia, Alto-Adige e Calabria: si tratta di Liguria, Trentino e Veneto in cui sono stati superati tutti i parametri di incidenza e ricoveri utili per il passaggio di fascia.

Trentino, Liguria e Veneto in zona gialla

Nella provincia Autonoma di Trento il tasso di occupazione delle terapie intensive è infatti al 21% (una percentuale già da zona arancione) mentre quello dell’area medica al 19%. In Liguria le rianimazioni sono occupate al 12,4% e la degenza ordinaria al 17% mentre in Veneto le due percentuali ammontano rispettivamente a 13,5% e 15,5%. Per l’ufficialità del passaggio di zona occorre attendere il monitoraggio dell’ISS di venerdì 17 dicembre 2021 ma i dati non sembrano lasciare dubbi.

Si tratta di un cambio di colore che non avrà un impatto concreto sulla vita dei cittadini, dato che le norme rimarranno le medesime della zona bianca e l’unico obbligo che si aggiunge è quello della mascherina all’aperto, ma che preoccupa in quanto rivelatore di un aumento dei ricoveri.

Trentino, Liguria e Veneto in zona gialla: a rischio anche le Marche

A rischio di passare in zona gialla vi sono anche le Marche, per le quali saranno decisivi i dati del report dell’Istituto Superiore di Sanità. I ricoveri in terapia intensiva hanno infatti già superato la soglia (17%) mentre quelli in degenza ordinaria sono al limite (14,5%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli