Covid: Ubp, mercati asiatici guideranno la ripresa nel 2021

·1 minuto per la lettura
Covid: Ubp, mercati asiatici guideranno la ripresa nel 2021
Covid: Ubp, mercati asiatici guideranno la ripresa nel 2021

Roma, 12 mar. (Adnkronos) – "L'Asia dovrebbe guidare la ripresa economica globale nel 2021". A sostenerlo in un report è Carlos Casanova, Senior Economist Asia di Union Bancaire Privée (Ubp). Escludendo la Cina, rileva, "l’area si espanderà lentamente a un ritmo del 4,7% nel 2021 rispetto al -4,3% del 2020. In termini di disparità regionale, l'India crescerà del 9,0% nel 2021, il ritmo più veloce in Asia e significativamente al di sopra della contrazione del -8,0% riportata nel 2020. Al contrario, il Giappone sarà il mercato asiatico meno dinamico, con un'espansione del 2,5% nel 2021 contro una contrazione del -4,8% nel 2020. Uno dei principali fattori che caratterizza queste diseguaglianze riguarda il ritmo della campagna vaccinale".

L’andamento della ripresa, sottolinea, "dipenderà anche dal grado di esposizione delle economie a pressioni cicliche al rialzo. I Paesi in cui la spesa dei consumi finali rappresenta una quota maggiore del PIL dovrebbero beneficiare maggiormente di una normalizzazione dell'attività economica. Inoltre, la campagna vaccinale favorirà anche una graduale ripresa del settore dei trasporti, riducendo i venti contrari ciclici per le economie dell'Asia in cui una quota del pil fortemente dipendente dal turismo".

La maggior parte delle banche centrali asiatiche, sottolinea, "ha optato nel 2020 per cicli intensi di tagli dei tassi, più che durante la crisi finanziaria globale del 2009. Tuttavia, dopo l’ultimo taglio operato della Banca Centrale indonesiana il 18 febbraio, queste politiche non dovrebbero proseguire ulteriormente. In futuro, le Banche Centrali della regione continueranno a diffidare delle aspettative di una maggior inflazione e di un irrigidimento della curva dei rendimenti dei Treasury. Insieme, entrambi i fattori si tradurranno probabilmente in una compressione dei differenziali dei tassi reali con gli Stati Uniti".