Covid, Ue aggiungerà Canada e altri 10 Paesi a lista 'viaggi sicuri'

·1 minuto per la lettura
Un aereo atterra a Maiorca

BRUXELLES (Reuters) - I governi dell'Unione europea hanno concordato di aggiungere Canada e altri 10 Paesi alla lista degli Stati dai quali saranno consentiti gli spostamenti per motivi non essenziali, come comunicato da alcuni diplomatici della Ue.

Gli ambasciatori dei 27 Paesi del blocco hanno approvato le aggiunte nel corso di una riunione odierna, con la modifica che entrerà in vigore nei prossimi giorni.

La Gran Bretagna, ex Stato membro in cui la variante Delta altamente contagiosa del coronavirus ha provocato un forte aumento delle infezioni, non è sulla lista.

Gli 11 Paesi che vi compariranno sono Armenia, Azerbaigian, Bosnia ed Erzegovina, Brunei, Canada, Giordania, Kosovo, Moldavia, Montenegro, Qatar e Arabia Saudita.

Ai Paesi della Ue è stato raccomandato di ritirare gradualmente le restrizioni sui viaggi per i 14 Stati presenti attualmente sulla lista: Albania, Australia, Israele, Giappone, Libano, Nuova Zelanda, Macedonia del Nord, Ruanda, Serbia, Singapore, Corea del Sud, Taiwan, Thailandia e Stati Uniti.

Sono incluse anche le regioni amministrative cinesi di Hong Kong e Macau.

I singoli Paesi della Ue possono comunque decidere di richiedere un test negativo o un periodo di quarantena all'arrivo.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli