Covid Uk, picco contagi e stop misure restrittive: cosa pensano gli esperti

·6 minuto per la lettura

I contagi da coronavirus continuano a crescere nel Regno Unito, dove ieri si è registrato il picco di 45.140 casi giornalieri. Un trend che gli esperti guardano con attenzione soprattutto alla luce della revoca delle restrizioni e delle misure anti Covid in Uk. E ci si interroga su quale sarà il futuro di Green pass e mascherine in Italia.

In Uk "si assiste ad un aumento importante dei ricoveri" Covid "tra i più giovani (34% maggiori di quanto accadeva a gennaio), anche se il numero di decessi resta basso. Nelle prossime settimane, seguendo il Regno Unito, si vedrà meglio l'impatto della libera circolazione del virus su ricoveri, decessi e soprattutto sulla salute dei bambini" dice Antonella Viola, immunologa dell'università di Padova, segnalando "un grafico dei ricoveri ospedalieri per fasce di età" in Uk, "dove si vede come siano a livelli massimi nella popolazione 0-14 anni, quella che non è stata vaccinata" contro il coronavirus Sars-CoV-2.

Osservare il trend inglese, spiega la scienziata su Facebook, aiuterà a rispondere a "una delle domande più sensate che possiamo porci in questi giorni", e che "riguarda le condizioni che porteranno alla fine dell'emergenza e quindi delle regole in atto, Green pass incluso. Quando potremo liberarci di Green pass e mascherine? C'è chi sta ricominciando a lanciare numeri sulle percentuali di vaccinati, ma credo - sottolinea Viola - che dobbiamo considerare un aspetto importante: al momento tutti i bambini sotto i 12 anni non sono vaccinabili e tocca alla comunità proteggerli". E il monito arriva appunto da "cosa sta accadendo in Uk, dove le restrizioni sono saltate da un pezzo".

"L'Italia ha avuto un atteggiamento rigoroso rispetto alla pandemia mentre il Regno Unito ha fatto, e sta facendo, esattamente il contrario, facendo circolare il virus e oggi si vedono le conseguenze. Hanno tolto ogni tipo di misura di sicurezza, hanno iniziato tardi a fare la seconda dose. Noi invece abbiamo proceduto più guardinghi e con attenzione. Ora, guardando il picco di casi registrato nel Regno Unito, un pensiero di preoccupazione c'è. E' il segnale che se si molla il virus è pronto a ripartire e, se arriva una variante brutta, anche noi siamo a rischio ". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute Massimo Andreoni, primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit).

"Quindi le misure di contenimento, dall'uso della mascherina al chiuso al distanziamento, servono ancora - raccomanda - Ma visti i numeri del Regno Unito, forse servirebbe che l'Europa si facesse sentire, magari anche rimettendo la quarantena di una settimana per chi arriva in Italia" da oltremanica.

"L'impegno a ridurre la circolazione del coronavirus deve essere globale - rimarca Andreoni - L'Italia sta facendo bene e i risultati si vedono, il Paese è ripartito e l'impatto sulla curva epidemica si è visto poco. Ma occorre che tutti i Paesi si muovano nel vaccinare la loro popolazione con doppia dose e che si faccia anche di più per immunizzare i paesi più poveri. Il discorso - conclude l'infettivologo - è sempre quello: se il virus circola liberamente, c'è il rischio che emerga una variante più aggressiva. Non possiamo permettercelo e va fatto di tutto per evitarlo".

"Gli inglesi hanno scelto una filosofia diversa dalla nostra, hanno levato tutte le misure di restrizione da mesi. Da luglio non usano più la mascherina, prima di raggiungere la copertura vaccinale simile alla nostra. Noi invece, con piedi di piombo e piccoli passi, possiamo raggiungere a fine dicembre, tra vaccinati e immuni, il 90% della popolazione generale" dice all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, sul picco di contagi Covid nel Regno Unito.

"Dall'inizio del 2022 potremmo quindi anche noi dire addio ad altre misure come il Green pass e la mascherina al chiuso o all'aperto - aggiunge Bassetti - Quindi sul picco di casi registrati nel Regno Unito dico: guardiamo a casa nostra. Continuiamo con la strategia che abbiamo messo in campo fino ad oggi".

"Sui numeri inglesi - spiega - occorre poi fare attenzione: è vero che c'è stata un'impennata di contagi, più alto che a luglio; ma poi, se vediamo i ricoveri e i decessi, non sono proporzionatamente così alti. Circa 145 decessi, ma è un Paese che viaggiava con oltre 1.000 morti al giorno".

Per l'immunologo clinico e allergologo Mauro Minelli, coordinatore per il Sud Italia della Fondazione per la Medicina personalizzata, il boom di casi Covid nel Regno Unito "ci deve esortare ad agire in fretta sui percorsi della terza dose" di vaccino, "al di fuori delle alchimie algebriche di chi, magari, prova a cavarsela richiamandosi al numero di anticorpi personalmente recuperati dopo le due dosi. Faremmo bene d'ora in poi ad evitare improbabili letture di fenomeni complessi con l'approccio semplicistico di chi conosce le tabelline. L'immunologia e le sue dinamiche sono complicate assai, e non si prestano ad interpretazioni dozzinali. Basiamoci sulle evidenze, e ce ne sono di robuste, che dimostrano come, a distanza di 6 mesi dalla seconda dose, la copertura efficace contro il Sars-CoV-2 cali dal 40 e fino ad oltre il 90%, e quella contro la forma grave di Covid dal 65 al 90%".

"In Italia il picco delle vaccinazioni è stato raggiunto nella tarda primavera - ricorda - quindi potremmo essere prossimi ad una nuova recrudescenza del fenomeno Covid, così come sembra stia accadendo nel Regno Unito. Con la terza dose abbiamo la possibilità di mantenere la nostra primazia, visto che è un anno particolare per l'Italia, in cui più volte abbiamo invitato, per esempio, gli inglesi ad 'assaggiare gli spaghetti'. La vaccinazione su larga scala ci ha portati ai primi posti nel mondo per le classifiche di 'resistenza Covid', se così vogliamo dire".

"L'anno scorso - rammenta Minelli - eravamo attoniti nel constatare una escalation vertiginosa del numero dei contagi e dei ricoveri, mentre adesso il trend appare del tutto invertito, con numeri decrescenti. A metà ottobre del 2020 il Governo discuteva di coprifuoco o zone gialle e rosse; oggi invece si discute della riapertura più o meno generale di tutti i luoghi, i locali e le strutture pubbliche. Dicevo che è stato un anno di riscatto per l'Italia, sono accadute cose straordinarie nello sport (la vittoria degli Europei di calcio) e addirittura impensabili nell'atletica, con affermazioni storiche e senza precedenti nelle discipline di velocità. Non sarebbe male anche un riscatto dalla pandemia. E come per i successi dello sport, anche per il resto nulla è mai casuale", avverte l'esperto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli