Covid: Unione Consumatori, 24,5% famiglie lombarde è in difficoltà economiche

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 27 set. (Adnkronos) – Su un campione di 1.174 famiglie lombarde, il 6,2% dichiara di avere serie difficoltà economiche, mentre per il 18,3% fatica ad arrivare a fine mese. Insomma, il 24,5% è in difficoltà, mentre solo il 36,2% non ha alcuna difficoltà economica e riesce a risparmiare. E' quanto emerge dalla ricerca svolta per il progetto Tag your Food dalle associazioni di consumatori Cittadinanzattiva Lombardia (capofila), Lega consumatori, Mdc Lombardia, U.di.con. e Unione Nazionale Consumatori Lombardia.

Il 78% degli intervistati pensa che la pandemia avrà conseguenze sulle proprie abitudini di spesa anche in futuro, in particolare sulla scelta del punto vendita (73,6%) e sui criteri di scelta dei beni alimentari rispetto al tipo di confezionamento (72,3%), di conservazione (70,8%) e di produzione (70%). Meno conseguenze sono invece percepite sulle possibili variazioni nel tipo di dieta (62,6%).

I consumatori, durante la pandemia, hanno privilegiato le forme di acquisto in presenza rispetto alla consegna a domicilio. “La grande novità – commenta Liberata dell’Arciprete, Segretario Regionale di Cittadinanzattiva Lombardia Aps, Capofila del Progetto Tag Your Food – è data proprio dal rifiorire dei negozi di vicinato, che non solo hanno trovato spazio nelle scelte dei consumatori, ma hanno saputo rendersi socialmente utili nelle fasi più delicate, “prendendosi cura” dei soggetti più fragili e deboli".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli